A.S.D.O. Galileo Galilei

Vai ai contenuti

Menu principale:

 News
 
 Prima pagina
 
 Elenco News Completo
 
 Archivio
 
 Ricerca rapida
 

Inserisci testo da cercare:


 
 Prossimi appuntamenti
 
 
 Contatti
 
Find us on Facebook  @ Scrivici
 






CAMPIONATI ITALIANI LONG 2016

Sbt 23 e dmnc 24 sttmbr sj sn svltj j cmpjntije d'italije lng e stfftt nj prss dj Zgonik, jn zn dj cnfjn cn Slvenjia, ed ekk prchk ho prlat cosij strno. Giuro che ora la smetto. Frse. Dopo la lunga pausa estiva (e due scomodi esami a ridosso delle gare in Val Malene) torna il pagellone targato Galilei e VE041RL con cui rivivere il weekend; weekend che come scopriremo è stato pieno di metallo x nostri colori!

 

LOCATION, 9: Come si evince traducendo l'introduzione realizzata per i nostri accaniti lettori oltre la frontiera, le gare si sono svolte nel bosco di Sgonico, vicino al confine con la Slovenia, quindi in una località tipicamente carsica con però l'anormale mancanza di zone ricche depressioni, buche ed autostrade per l'inferno per far posto ad alti collinoni di pendenze e dettagli morfologici variabili. Non sono mancate le altre solite carsate, ovvero mucchi di sassi grandi e piccoli, massi e rocce prepotenti, pietraie più o meno nascoste dall'arida erba secca e stopposa (deliziose per accopparsi mentre si corre allegramente) o dall'acqua marina (deliziose per aprirsi i piedi mentre si va a fare una nuotata post-long) ed altre pietre che vanno a formare gli innumerevoli muretti... rimasti col serbatoio vuoto e tutto ciò che può rendere fisicamente provante un percorso. Infatti, sebbene le lughezze non sembrassero così esagerate, la durezza del terreno carsico ha fatto si che ciò che ci è stato abilmente proposto dall'organizzazione bastasse ed avanzasse, visto che oltre a ciò va consideraro che lo sforzo mentale e tecnico richiesto è altissimo.

 

STAFFETTA MAK: LUCA ROSATO, ALVISE RUMOR & DANIELE FERRANTE, 8: Di media, visto che è stata vittima di errori più o meno vistosi, in special modo quello del pollo al lancio che regala quasi 10 minuti d'errore al primo punto -in prato-...Il nostro Alvise (sul podio sabato della MB), tornato dal paradiso tropicale in cui è stato costretto a vivere per l'ultimo anno, dà paga ai compagni di staffetta ed ai nostri M16 il giorno prima, mentre il buon Daniele è stato ad un passo dalla gara della vita, tranne poi incappare in un errore al classico punto bastardo nel finale, finendo comunque con la grinta che lo contraddistingue.

 

STAFFETTA WAK: ANEDDA FEDERICA, ANEDDA NICOLE & ANGELISA SPOLAOR, A: Già che c'è il maiuscolo attivo, ecco il primo voto all'americana della storia. La staffetta famigliare (che ancora una volta conferma come la genetica non sia un'opinione) si conquista un epico SECONDO POSTO che per fortuna viene anche premiato. Ottimo il lancio del nostro Presidente (di cui citerò una battuta epica più avanti), che sabato conclude con un buon 7° posto la sua ultima gara in WA prima di tornare a dar battaglia in categoria; poi la First Sister riafferma il concetto espresso nella prima frazione, ed ora aspetta i complimenti da OtticaVeneta per messaggio ed Angelisa infine mantiene la seconda posizione portando a termine una gara più long distance di quella del giorno prima.

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTA W55: PATRIZIA BORDIN, MORENA MARIOTTO & MONICA PERISSINOTTO, 10: Ecco un ARGENTO!!!! Buona prova delle nostre Master che si arrendono solo alla forte staffetta della Besanese. Weekend leggermente in ombra per Patrizia, che da anni ci ha abituato a champagne e medaglie, ma alla fine con Morena, (molto più brava rispetto al truzzetto coi tatuaggi che fa finta di fare rap), BRONZO sabato alla long in W60 e l'ennesima prova maiuscola di Monica ecco il risultato.

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTE W14/17: FILESI CLELIA, BEATRICE ARTUSI & ALINA CTRL+V, 8: Come il piazzamento raggiunto domenica, anche se poteva andare meglio. Weekend difficile per la polona dalla Polacchia e Alina Scobioala, non molto a loro agio in questo terreno, ostile come le lettere nelle tablature per ukulele, mentre Beatrice guadagna una potente 7° posizione italiana in W14, miglior risultato di carriera (finora!)

ANTONELLO ASIA, GAIA FERRANTE &…, 8+: Purtroppo, non essendo riusciti a racattare all'ultimo momento un barbone o una qualche bestia addomesticata (N.B. verificare idea di addestrare esemplari canis familiaris a seguire piste odorose in bosco) la staffetta è rimasta incompleta… Tuttavia sottolineo le buone gare in W14 al sabato (8° e 12° in una categoria molto numerosa)

 

STAFFETTA M55: GIANNI MAZZENI, PAOLO CAMPAGNER & ROLANDO MATTIUZZO, 8,5: Gare oneste per Paolo e Rolando, con però il buon sesto posto finale che, vista la giornata nera (e gialla) del Coach, è quasi una vittoria! Tralasciando la scelta di percorso in automobile da Sistiana a Sgonico, passando per Monfalcone, caccia fuori un orrimo lancio in staffetta; poi però la sfortuna torna a vederci chiaro ed a sentirci male quando il nostro condottiero ordina un APEritivo…

 

STAFFETTA M13: TOBIA SANTELLO, GAIA BORELLA & FABIO PALMA, 8: Tutti alla prima staffetta ed al loro primo campionato italiano, si difendono bene nell'individuale, mentre purtroppo alla fine la staffetta si chiude con un PM; occasione di riscatto comunque a Savona!

 

STAFFETTA W20: EMY MICHELIN, MELANIA TINELLI & SELEM ALICE, 9: Dopo l'exploit dell'anno scorso, era la staffetta più attesa. Alla fine arriva un BRONZO nonostante una giornata difficile in cui vinceva chi sbagliava di meno e tutto era possibile, anche se va però considerato che, Emy arrivava da una gara in cui, per «''forse un ippopotamo o forse il re di Francia'' ,ogni passo andava misurato ed effettuato con attenzione e timore, 'Milenia' è stata vittima del karma quest'estate di nuovo non ha potuto allenarsi bene e Alice era un po' strappata e non al megliu. Ma alla fine questo è quello che conta:

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTA M14/17: MICHELE TERREN, ROCCO FRANCESCHINI & GIORGIO TONDA, 10 E LODE: La più bella sorpresa della giornata è questo BRONZO a livello Italiano che è già nella leggenda!!!! Finito il countdown dello speaker, un nugolo di scienziati della NASA davanti a computer e con cuffioni grigi in testa, assistono al lancio del nostro missile chiamato MicheleI che cambia terzo di categoria ma soprattutto primo italiano, scatenando Rocco che, dopo un errore al primo punto, tiene duro (eheh) confermando anche le buone impressioni lasciate sabo (11° su 50 fioi). A questo punto chi se non l'imperatore Giorgio Aurelio per condurre una campagna d'attacco durante la terza frazione, nella quale proprio nel finale viene raggiunto ed agganciato il terzo gradino del podio!!!!

 

 

 

 

Rosato



Pubblicato il 30 settembre 2016 da OriBruni
Content Management Powered by CuteNews
MAIN SPONSOR
Main Links
ClustrMaps
 
Torna ai contenuti | Torna al menu