A.S.D.O. Galileo Galilei

Vai ai contenuti

Menu principale:

 News
 
 Prima pagina
 
 Elenco News Completo
 
 Archivio
 
 Ricerca rapida
 

Inserisci testo da cercare:

 
 Prossimi appuntamenti
 
 
 Contatti
 
Find us on Facebook  @ Scrivici
 






ULTIME GARE NAZIONALI DEL 2016
pubblicato da Luca G.
il 07 Nov 2016

Nel final del hammin di nostra stagione

ci ritrovammo in una region uggiosa

che la diritta via rendea sbrissiołosa.

Ah quanto a dir com'era è cosa dura

este città de San Gimignano e Siena

ch'i lor botti dal ciel delle 5 me rinnovan la paura!

Ah tamorti quanta acqua che ghe trovammo;

ma per trattar del ben di nostre gare

dirò de l'altre cose oltre al meteo.

Io non so ben ridir de' risultati

tant'è che so pien de sonno a sta ora

ma portè pasiensa e cuccheve sto breve pagellone.

LOCATION, 10 E LODE: maremma buhaiola, non male queste città toscane, sia dal punto di vista orientistico che artistico. Siena e San Gimignano trattengono tutto il bello del borgo medievale, dalle varie chiese antiche, mura potenti, piazze centri del mondo di città 'grandi' come Cassago de Pianiga, con il bello del poter camminarre o correre per le loro vie senza l'incubo di secchiate di urina dalle finestre o di trovare la Sacra Inquisizione. Dal punto di vista orientistico esse presentano spesso varie possibilità di scelta in base alla voglia o meno di fare dislivello gratis in più risparmiando metri, mettendo quindi spesso in crisi. Sabato era presente un piccolo castello -senza multilevl sto giro- con però mura con pochi pertugi che quindi obbligavano scelte di percorso difficili da scorgere ad alta velocità.

SQUADRA GIOVANILE, 9,5: Nonostante l'impresa di riprendersi il terzo posto di società fosse pressoché impossibile schei e paura mai avuti, e quidni nessuno si tira indietro dal provarci, totalizzando il secondo punteggio più alto nella gara di sabato e poi vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e non più dimandare. Segnaliamo in primis la grande prova di Beatrice Artusi che conclude 9° tra le italiane in W Young e ben quinta tra le W14 sabato e 16° domenica, decisamente la migliore delle tose di quest'età, tralasciando ovviamente Alice selem, che fa podi anche con una gamba sola, collezionando anche il secondo posto in coppa italia (pari punti della prima ma con minor numero di vittorie) e primo alla Suunto.
 

 PODIO CLASSIFICA FINALE COPPA ITALIA, ALICE 2���°

PODIO CLASSIFICA FINALE COPPA ITALIA, ALICE 2°
 


PODIO GARA DI SIENA. ALICE 3���°

PODIO GARA DI SIENA. ALICE 3°


Tra i tosi invece altra grande prova di Michele, che ritorna alle posizioni di inizio stagione (6° posto), mentre Rocco sente la mancanza della selva oscura dantesca detestando l'asfalto. Esordio in due categorie superiori difficile per Tobia Santello e Fabio Palma, che non contiene olio, tranquilli!!!! In M20 buoni risultati di Tonda (IV sabo e IX domenica) con un ginocchio biricchino che non fa tirare le gare come si vorrebbe, mentre W20 Emy arriva terza in coppa Italia sabato e quarta domenica, centrando pure posizioni di prestigio nelle classifiche finali e sempre in top 15 Silvia e Melania che quando

''Quest(e) parea che contra (te) venisse
con la test' alta e con rabbiosa fame,
(pare) che l'aere ne tremesse''.

SQUADRA MASTER, 8.5: Sono mancati gli assoli (o acuti a seconda del genere musicale che volete) dei nostri senior, complice la mancanza della forma migliore delle pedine storicamente più competitive. Quarto posto per Patrizia Bordin e buona top ten per M&M, Morena e Monica! Il Gianni ha trovato e provato i migliori ristoranti toscani -pur senza invitare il resto della sua cara squadra), mentre RamboFerrante schiva i vari proiettili acquei-vietnamiti per andar a salvare punzonando le varie lanterne delle sue gare.

ASSOLUTI, 9: Grande numero di avversari arrivati da tutta Europa e tutta Italia per battersi con i fortissimi e bellissimi atleti assoluti del Galilei! Ma non scrivo in inglese per loro. Capiranno. Grandi sfide e battaglie interne in famiglia Anedda, con Nicole che batte la sorella Presidente in entrambe le gare per pochi secondi, forse dovuto al...bizzarro modo scelto dal nostro Presidente per punzonare!
 


In ME buoni risultati sia per Alvise che per il mona che scrive ste robe, che arriva ben 10 e 14 tra gli italiani nonostate gare fatte senza occhiali ed in certi punti lento come Jorge Lorenzo sul bagnato. Ed il bruttissimo accento toschano hahhiato sti hiorni.

Alla fine, come società quest'anno abbiamo concluso:

7° nella Generale!!!!

11° nell'Assoluta e nella Veterani!!!!

4° nella giovanile!!!!

Ora finalmente un po' di garette scialle e riposo per ricaricare le pile per l'anno prossimo che si prospetta carico e pimpante più di Giovanni Mucciaccia ad Art-Attack!

W LA CAMPAGNA ed al 2017.

Mo ''cado come l'uom a hui piglia il sonno''


Rosato


TRASFERTA IN TERRA LIGURE
pubblicato da Luca G.
il 25 Oct 2016

We, belin, il weekend del 22 e 23 ottobre 2016, il Galilei, insieme ad altri club italiani, affronta una lunga traversata lungo la Pianura Padana per dirigersi in Liguria in provincia di Savona per affrontare due gare crocevia della stagione orientistica nazionale; il sabato si ha un appuntamento con la storia, in quanto si svolge nella bella città di Savona il primo Campionato Italiano Sprint Relay, fortunato e spettacolare format di urban-O introdotto per la prima volta ai mondiali di Asiago 2014, sebbene un po' monco per sopperire alla carenza di atlete WE; gara molto divertente, forse una delle migliori sprint degli ultimi anni grazie anche ad una mappa con 5 zone dalle caratteristiche diverse, tra cui una fortezza medioevale in cui anche se non tiravano olio bollente sto giro comunque non si è rivelato banale, visti i tre livelli, tunnel e passaggi più o meno segreti, mentre domenica una coppa italia middle distance in condizioni meteo estreme su un bosco che alternava una scorrevole faggeta a zone onte, colme di rigagnoli e pieroni, il tutto condito da una pendenza non indifferente. Purtroppo ci siamo presentati con una formazione ridotta ai minimi termini, sia per impossibilità di perdere sabati scolastici per i più piccini sia per infortuni accaduti ad alcune delle nostre punte di diamante come  , che sicuramente avrebbero detto la loro.

ROCCO FRANCESCHINI, 9,5: Partecipa solo domenica, ma caccia il miglior risultato individuale di stagione arrivando 7° a poco distacco dal podio, anche se con la consapevolezza di poter limare ancora il tempo e confermando il finale di stagione in crescendo rossiniano. Eddai, mo caccace l'ahuto in toshhana!!

CLELIA FILESI, 7: La storia sto giro l'ha fatta mostrandosi umana e vulnerabile al clima rigido, nonostante il sangue polacco e ricco in vodka che solitamente fa sì che il freddo abbia la Clelia e non la Clelia abbia freddo. A sto punto le quotazioni SNAI per uno scream sono in picchiata.

ALICE SELEM, sv: qualcosa sembra essersi inceppato nella macchina perfetta di inizio stagione, anche se questa volta è stata bersagliata da sfiga...uno strappo ai primi punti le impedisce di poter rendere al meglio, ma la determinazione di finire la gara per poco non le costa un principio di ipotermia che se vuoi il vin brulée basta che ci chiedi, senza farci preoccupare così!!!

PRESIDENTE, 10: E sto giro non è un voto costituzionale né nato per la birra offerta (grazie ;) ) ma per il SECONDO POSTO in WA, anche se il premio più bello forse è stato riavere il buon Paolo indietro da una gara direct tracciata senza alcuna pietà!

MASTER, 9: L'impresa la sfiorano sabato, quando con una staffetta con la somma delle età che dà la caduta dell'impero romano ( :P ) centrano un epico quarto posto! Domenica un po' sottotono invece, con Angelisa che invece 'alla Rosato' si classifica nuovamente quarta ad un passo dal podio che alla fine con tutto sto legno una grigliata de porseo la prepariamo.

MICHELINS, 9: Weekend senza il risultatissimo per Emy, ma arriva un nuovo omino Michelin più piccolo e inquietante che anche senza ricci boccolosi dimostra di aver coraggio nell'affrontare l'assenza di calore e di pigliarsi subito un premio arrivando secondo in esordienti!

TINELLI MELANIA, 9: Non è noto sapere cosa le dia la spinta in gara, se credito nei confronti del kharma o una qualche divinità ctonia che sembra manifestarsi sonoramente come uno pterodattilo -fidatevi, un po' inquietante :D- fattosta che è lei la migliore delle W18 domenica e buona seconda frazionista nella relay di sabato in elite.

ROSATO LUCA, 9: Un buon weekend, anche perché la liguiria in passato spesso era terra di sofferenze e scrive un articolo un po' più breve per la comparsa all'orizzonte delle prime odiose relazioni di laboratorio (o, versione ufficile, per onorare il luogo comune sul braccino corto della terra visitata :P )...Sabato recupererebbe 8 posizioni pur partendo due minuti dopo il lancio dei terzi come da bravo mona. Ma la mezza impresa è domenica, quando riesce ad interrompere la maledizione Arsenal dei 3 quarti posti di fila in 7 giorni ed a beccare una gara in cui correttamente viene premiato anche il podio della MA. Non sarà la falalfef cup, ma ''alzalo il basilico, alzalo!!!'' :)



Rosato


CAMPIONATI ITALIANI LONG 2016
pubblicato da OriBruni
il 30 Sep 2016

Sbt 23 e dmnc 24 sttmbr sj sn svltj j cmpjntije d'italije lng e stfftt nj prss dj Zgonik, jn zn dj cnfjn cn Slvenjia, ed ekk prchk ho prlat cosij strno. Giuro che ora la smetto. Frse. Dopo la lunga pausa estiva (e due scomodi esami a ridosso delle gare in Val Malene) torna il pagellone targato Galilei e VE041RL con cui rivivere il weekend; weekend che come scopriremo è stato pieno di metallo x nostri colori!

 

LOCATION, 9: Come si evince traducendo l'introduzione realizzata per i nostri accaniti lettori oltre la frontiera, le gare si sono svolte nel bosco di Sgonico, vicino al confine con la Slovenia, quindi in una località tipicamente carsica con però l'anormale mancanza di zone ricche depressioni, buche ed autostrade per l'inferno per far posto ad alti collinoni di pendenze e dettagli morfologici variabili. Non sono mancate le altre solite carsate, ovvero mucchi di sassi grandi e piccoli, massi e rocce prepotenti, pietraie più o meno nascoste dall'arida erba secca e stopposa (deliziose per accopparsi mentre si corre allegramente) o dall'acqua marina (deliziose per aprirsi i piedi mentre si va a fare una nuotata post-long) ed altre pietre che vanno a formare gli innumerevoli muretti... rimasti col serbatoio vuoto e tutto ciò che può rendere fisicamente provante un percorso. Infatti, sebbene le lughezze non sembrassero così esagerate, la durezza del terreno carsico ha fatto si che ciò che ci è stato abilmente proposto dall'organizzazione bastasse ed avanzasse, visto che oltre a ciò va consideraro che lo sforzo mentale e tecnico richiesto è altissimo.

 

STAFFETTA MAK: LUCA ROSATO, ALVISE RUMOR & DANIELE FERRANTE, 8: Di media, visto che è stata vittima di errori più o meno vistosi, in special modo quello del pollo al lancio che regala quasi 10 minuti d'errore al primo punto -in prato-...Il nostro Alvise (sul podio sabato della MB), tornato dal paradiso tropicale in cui è stato costretto a vivere per l'ultimo anno, dà paga ai compagni di staffetta ed ai nostri M16 il giorno prima, mentre il buon Daniele è stato ad un passo dalla gara della vita, tranne poi incappare in un errore al classico punto bastardo nel finale, finendo comunque con la grinta che lo contraddistingue.

 

STAFFETTA WAK: ANEDDA FEDERICA, ANEDDA NICOLE & ANGELISA SPOLAOR, A: Già che c'è il maiuscolo attivo, ecco il primo voto all'americana della storia. La staffetta famigliare (che ancora una volta conferma come la genetica non sia un'opinione) si conquista un epico SECONDO POSTO che per fortuna viene anche premiato. Ottimo il lancio del nostro Presidente (di cui citerò una battuta epica più avanti), che sabato conclude con un buon 7° posto la sua ultima gara in WA prima di tornare a dar battaglia in categoria; poi la First Sister riafferma il concetto espresso nella prima frazione, ed ora aspetta i complimenti da OtticaVeneta per messaggio ed Angelisa infine mantiene la seconda posizione portando a termine una gara più long distance di quella del giorno prima.

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTA W55: PATRIZIA BORDIN, MORENA MARIOTTO & MONICA PERISSINOTTO, 10: Ecco un ARGENTO!!!! Buona prova delle nostre Master che si arrendono solo alla forte staffetta della Besanese. Weekend leggermente in ombra per Patrizia, che da anni ci ha abituato a champagne e medaglie, ma alla fine con Morena, (molto più brava rispetto al truzzetto coi tatuaggi che fa finta di fare rap), BRONZO sabato alla long in W60 e l'ennesima prova maiuscola di Monica ecco il risultato.

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTE W14/17: FILESI CLELIA, BEATRICE ARTUSI & ALINA CTRL+V, 8: Come il piazzamento raggiunto domenica, anche se poteva andare meglio. Weekend difficile per la polona dalla Polacchia e Alina Scobioala, non molto a loro agio in questo terreno, ostile come le lettere nelle tablature per ukulele, mentre Beatrice guadagna una potente 7° posizione italiana in W14, miglior risultato di carriera (finora!)

ANTONELLO ASIA, GAIA FERRANTE &…, 8+: Purtroppo, non essendo riusciti a racattare all'ultimo momento un barbone o una qualche bestia addomesticata (N.B. verificare idea di addestrare esemplari canis familiaris a seguire piste odorose in bosco) la staffetta è rimasta incompleta… Tuttavia sottolineo le buone gare in W14 al sabato (8° e 12° in una categoria molto numerosa)

 

STAFFETTA M55: GIANNI MAZZENI, PAOLO CAMPAGNER & ROLANDO MATTIUZZO, 8,5: Gare oneste per Paolo e Rolando, con però il buon sesto posto finale che, vista la giornata nera (e gialla) del Coach, è quasi una vittoria! Tralasciando la scelta di percorso in automobile da Sistiana a Sgonico, passando per Monfalcone, caccia fuori un orrimo lancio in staffetta; poi però la sfortuna torna a vederci chiaro ed a sentirci male quando il nostro condottiero ordina un APEritivo…

 

STAFFETTA M13: TOBIA SANTELLO, GAIA BORELLA & FABIO PALMA, 8: Tutti alla prima staffetta ed al loro primo campionato italiano, si difendono bene nell'individuale, mentre purtroppo alla fine la staffetta si chiude con un PM; occasione di riscatto comunque a Savona!

 

STAFFETTA W20: EMY MICHELIN, MELANIA TINELLI & SELEM ALICE, 9: Dopo l'exploit dell'anno scorso, era la staffetta più attesa. Alla fine arriva un BRONZO nonostante una giornata difficile in cui vinceva chi sbagliava di meno e tutto era possibile, anche se va però considerato che, Emy arrivava da una gara in cui, per â™Â«''forse un ippopotamo o forse il re di Francia'' ,ogni passo andava misurato ed effettuato con attenzione e timore, 'Milenia' è stata vittima del karma quest'estate di nuovo non ha potuto allenarsi bene e Alice era un po' strappata e non al megliu. Ma alla fine questo è quello che conta:

 

 

 

 

 

 

 

STAFFETTA M14/17: MICHELE TERREN, ROCCO FRANCESCHINI & GIORGIO TONDA, 10 E LODE: La più bella sorpresa della giornata è questo BRONZO a livello Italiano che è già nella leggenda!!!! Finito il countdown dello speaker, un nugolo di scienziati della NASA davanti a computer e con cuffioni grigi in testa, assistono al lancio del nostro missile chiamato MicheleI che cambia terzo di categoria ma soprattutto primo italiano, scatenando Rocco che, dopo un errore al primo punto, tiene duro (eheh) confermando anche le buone impressioni lasciate sabo (11° su 50 fioi). A questo punto chi se non l'imperatore Giorgio Aurelio per condurre una campagna d'attacco durante la terza frazione, nella quale proprio nel finale viene raggiunto ed agganciato il terzo gradino del podio!!!!

 

 

 

 

Rosato


<< Precedente ... 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 ... 24 ... 26 ... 28 ... 30 ... 32 ... 34 ... 36 ... 38 ... 40 ... Succesiva >>

Powered by CuteNews
MAIN SPONSOR
Main Links
ClustrMaps
 
Torna ai contenuti | Torna al menu